Benvenuti sul Portale Irma Archivio Rassegna stampa

Archivio Rassegna stampa

Per una comunicazione attenta al genere da parte della Città

PDF  Stampa 

La Città imposti la sua comunicazione con attenzione al genere. Il Consiglio comunale ha approvato una mozione in questo senso, presentata dalla consigliera Cinzia Carlevaris (M5S), impegnando l’amministrazione comunale a definire un Protocollo per una comunicazione attenta alle tematiche di genere. In particolare, il Protocollo dovrà prevedere che la rappresentazione della donna non sia reificata, squalificata o rimandi una visione stereotipata, svilente e maschilista; che la donna non sia rappresentata in atteggiamenti di eccessiva disponibilità sessuale, che il corpo della donna non sia mercificato, rappresentato in parti, non vengano proposti modelli estetici eccessivamente irrealistici e irraggiungibili. Fonte CittAgorà

 

Convenzioni per sostenere la maternità

PDF  Stampa 

In Piemonte le associazioni che si occupano di tutela della maternità potranno avere degli spazi dedicati per aiutare le future mamme. La Regione ha dato mandato alle Asl di aprire un bando per avviare convenzioni con le associazioni pro life, al fine di dare sostegno alle donne in gravidanza, soprattutto a quelle che vivono la situazione con difficoltà. Fonte Avvenire

 

Una legge per liberare i libri di scuola dagli stereotipi di genere

PDF  Stampa 

Nei primi mesi del 2021, la commissione Cultura della Camera dei Deputati esaminerà una proposta di legge per il contrasto agli stereotipi di genere e per la promozione della diversità e dell'inclusione nei testi scolastici. L'obiettivo è quello di arrivare alla graduale eliminazione di raffigurazioni anacronistiche quando non addirittura offensive nel campo del genere, dell'etnia, dell'aspetto fisico e altro ancora. Se n'è parlato durante una riunione delle commissioni Pari opportunità e Cultura della Città di Torino. Fonte CittAgorà

 

Violenza sulle donne, la Ministra Bonetti riunisce la Cabina di Regia

PDF  Stampa 

Si è riunita  la Cabina di Regia Nazionale sulla violenza maschile contro le donne, presieduta dalla Ministra per le pari opportunità e la famiglia Elena Bonetti, alla quale hanno partecipato i Ministri e le altre Autorità politiche coinvolte. La Ministra Bonetti ha dato conto delle azioni messe in campo a sostegno e protezione delle donne vittime di violenza in questi ultimi mesi, in parte legate alle conseguenze della pandemia e delle misure restrittive adottate. Fonte Dipartimento per le Pari Opportunità

 

Violenza di genere: Le donne non sono sole

PDF  Stampa 

La Ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti, e la Rete nazionale dei Comitati Unici di Garanzia (Cug), proseguono la collaborazione iniziata durante il periodo del lockdown e firmano un protocollo d’intesa per offrire assistenza alle donne vittime di violenza. Il protocollo, predisposto dal Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è stato firmato anche dalla Ministra per la Pubblica amministrazione Fabiana Dadone. Fonte Dipartimento per le Pari Opportunità

 

On line i dati aggiornati dell’ISTAT sul fenomeno della violenza maschile contro le donne

PDF  Stampa 

Pubblicati i risultati delle ultime indagini svolte dall’Istat in collaborazione con il Dipartimento per le pari opportunità, che forniscono dati importanti  sulle diverse componenti del fenomeno della violenza contro le donne e sugli strumenti messi in campo dalle istituzioni: l’andamento delle telefonate al 1522, numero di pubblica utilità contro la violenza e lo stalking, i primi dati sanitari, frutto di un accordo con il Ministero della Salute e i risultati dell’indagine sui servizi offerti dalle Case Rifugio. Fonte Dipartimento per le Pari Opportunità

 

Nasce il microcredito di libertà per le donne vittime di violenza.

PDF  Stampa 

Il Protocollo prevede l’attivazione di un sistema di microcredito (imprenditoriale e sociale) dedicato all’emancipazione delle donne vittime di violenza maschile da forme di sudditanza economica, che possono anche determinarsi o acuirsi nei casi in cui le donne denuncino le violenze subìte e si allontanino da contesti di supporto economico basati sui rapporti familiari o sociali nei quali le violenze si sono manifestate. Fonte Dipartimento per le Pari Opportunità

 

Medicina di genere. Perché è fondamentale per la nostra salute

PDF  Stampa 

La medicina ufficiale occidentale, per lungo tempo, ha avuto come modello biologico di riferimento un essere umano di circa 35 anni, del peso di 70 kg e di pelle bianca. E maschio. Un modello universale per la diagnostica e per la terapia che non corrisponde alla realtà di un'umanità fisicamente e psicologicamente variegata, dove a costituire altrettante varianti non sono soltanto età, peso ed etnia, ma anche il genere. Le differenze fisiologiche tra uomo e donne non si limitano alla sfera sessuale e riproduttiva, ma si incarnano in una relazione diversa con le patologie e le relative terapie. Cambiano la predisposizione a contrarre malattie, a subire ictus o infarti, a sviluppare tumori, nonché a produrre anticorpi. Cambia, meglio, dovrebbe cambiare, un approccio diagnostico e terapeutico "generalista" che non sempre è adeguato alle peculiarità femminili. Fonte CittAgorà

 

On line i dati dell’indagine ISTAT sui servizi offerti dai Centri Antiviolenza

PDF  Stampa 

Pubblicati i dati della seconda edizione dell’indagine sui Centri antiviolenza, effettuata nel 2019 e riferita all’attività svolta nell’anno precedente, realizzata dall’Istat in collaborazione con il Dipartimento pari opportunità e con le Regioni. Fonte Dipartimento per le Pari Opportunità

 
Pagina 1 di 15