Benvenuti sul Portale Irma Archivio Rassegna stampa

Archivio Rassegna stampa

Conciliare vita familiare e lavorativa è un diritto e il datore di lavoro ha il dovere di garantirlo.

PDF  Stampa  E-mail 

Conciliare vita familiare e lavorativa è un diritto e il datore di lavoro ha il dovere di garantirlo. Per la sua violazione l'Ispettorato del lavoro di Firenze è stato condannato con una sentenza da considerarsi un unicum nella materia delle pari opportunità, perché riconosce la conciliazione vita-lavoro un vero e proprio diritto soggettivo. Una sentenza che è anche antesignana rispetto all'obbligo imposto dalla recentissima Direttiva europea che introduce l'equilibrio fra attività professionale e vita familiare, imponendo a tutti gli Stati membri di adeguarvisi entro il 2020. Fonte la Repubblica>>

 

Le più istruite, le meno occupate

PDF  Stampa  E-mail 

Nel dettaglio: per ogni cento maschi iscritti all’università, ci sono 136 donne. A completare il percorso di studi è il 17,4% della popolazione femminile, contro il 12,7% dei maschi. E sono donne il 60% circa dei laureati con lode. Le donne si laureano di più e meglio, insomma. E non è una novità. Perché allora, su 10 persone che scoraggiate che smettono di cercare lavoro, sei sono donne? Fonte LINKIESTA

 

Perché le quote rosa sono necessarie.

PDF  Stampa  E-mail 

Dopo il 50 per cento di ministre della Francia, anche la Spagna ritorna a darci lezioni di Pari Opportunità. In Italia è un argomento spinoso. E lo è perché nel nostro Paese ogni differenza di visione viene affrontata con toni aggressivi e denigratori. Fonte LETTERA DONNA.

 

Ad Asti Casa delle donne e dei bambini

PDF  Stampa  E-mail 

Uno spazio per le donne sole o con figli minori in fase di emergenza. E' stata inaugurata ad Asti la "Casa delle donne e dei bambini", struttura gestita dall'assessorato comunale alle Politiche Sociali che vuole assolvere a una duplice funzione: dare un tetto a donne e madri in difficoltà e cerare per loro percorsi personalizzati di reinserimento lavorativo e sociale. Fonte Ansa>>

 

Torino, parrucchiere e estetiste diventano "sentinelle" contro la violenza sulle donne

PDF  Stampa  E-mail 

I negozi di parrucchieri e stetiste diventano "punti d'ascolto" contro la violenza sulle donne Parrucchieri ed estetisti piemontesi diventano le 'sentinellè delle donne. Un accordo siglato oggi tra la Regione Piemonte e il Comitato di coordinamento delle Confederazioni artigiane Piemonte prevede che ogni salone diventi una sorta di punto d'ascolto. L'accordo è stato annunciato durante la giornata finale del Meeting nazionale di Cna Impresa Donna e la Regione Piemonte è la prima in Italia a sottoscriverlo, ma l'obiettivo di Cna è quello di estenderlo a tutta Italia. Fonte>>

 

Contro le molestie nei luoghi di lavoro Torino redige un Manifesto

PDF  Stampa  E-mail 

Le molestie sessuali nei luoghi di lavoro sono state il tema di un seminario che la Rete cittadina dei Cug (Comitati unici di garanzia) dei principali enti pubblici del nostro territorio hanno proposto ai suoi iscritti e ai suoi vertici organizzativi questa mattina, nella Sala Bobbio di via Corte d’Appello 16. Il convegno, dal titolo “Su la testa, giù le mani”, è stata l’occasione per presentare ai vertici delle 13 istituzioni pubbliche che ne fanno parte il Manifesto sulle molestie sessuali nei luoghi di lavoro, prodotto della Rete. “Le molestie sessuali – vi si afferma – sono inaccettabili, illegali e costituiscono illeciti disciplinari. Non sono tollerate nei nostri enti”. Il manifesto sarà successivamente esposto negli enti aderenti alla Rete per evidenziare che i luoghi di lavoro devono essere sicuri e si deve tutelare il benessere di chi lavora. Fonte TorinoClick>>

 

 

Migranti, quasi la metà sono donne. E le stiamo lasciando indietro

PDF  Stampa  E-mail 

La migrazione è sicuramente uno dei temi più complessi che caratterizza il nostro presente, è anche una delle questioni più trattate nei mediache ci restituiscono immagini difficili da dimenticare. Disastri naturali, conflitti e necessità economica spingono milioni di persone al movimento imponendosi nell’agenda politica di diversi Paesi. Fonte>>

 

Riconoscimento dei diritti dei figli delle coppie omogenitoriali

PDF  Stampa  E-mail 

A Palazzo Civico la sindaca Chiara  Appendino, in qualità di ufficiale di Stato Civile, ha apportato l’annotazione sull’atto nascita per attestare il riconoscimento di figli  da parte di entrambi i genitori dello stesso sesso. Tre le coppie che hanno ricevuto il riconoscimento dalla Città.
“Torino – spiega la sindaca Chiara Appendino – è la prima città italiana a consentire alle coppie omogenitoriali di veder riconosciuto il diritto ai loro figli di avere entrambi i genitori. Con un’annotazione all’atto che accoglie l’istanza di riconoscimento e di genitorialità avanzata da entrambi i componenti della coppia la Città ha messo in pratica una soluzione che consentirà a tutte le coppie di persone dello stesso sesso con figli ad essere riconosciute come famiglie. Speriamo di aver generato – anche con il supporto del Coordinamento Trino Pride –  l’avvio di un percorso che adegui l’attuale sistema normativo all’evolvere della società civile”. Fonte TorinoClick>>

 

Congedo parentale allo studente che diventa papà

PDF  Stampa  E-mail 

Svolta nella lotta per la parità di genere all'Università di Torino dove anche gli studenti padri potranno sospendere la loro carriera accademica senza pagare le tasse per un anno. La novità è prevista dal nuovo regolamento votato dall'ateneo di via Verdi che cerca di avere un linguaggio non discriminatorio: “Ci piace sottolineare questa cosa perché, oltre a essere un adeguamento formale, si combina anche con un cambiamento sostanziale – spiega il portavoce di Studenti Indipendenti, Federico Salvatore - D'ora in poi anche gli studenti padri e non solo le studentesse madri potranno richiedere lo stesso trattamento e contribuire all'accudimento dei figli”. Fonte>>

 
Pagina 1 di 6